Video Terribili - IL GIORNALINO - Cambia immagine alla tua azienda

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Non ci posso credere 100 bambini uccisi dal Serial Killer

Pubblicato da in Video Terribili ·
Tags: AlbertFishSerialKiller



Dio Maniminkia sottomette e frusta a sangue Rosario Muniz davanti ad un catafrattissimo Diprè (18+)

Pubblicato da in Video Terribili ·
Tags: RosarioMuniz
Dopo innumerevoli e sempre più tragici video con la bava alla bocca densa come mascarpone al seme di canguro, Rosario Muniz esordisce in un filmato a sfondo sadomaso: tema frequente nelle sue ultime apparizioni.
La bestia pelosa però stavolta non è in vena di percosse, anzi esige di voler essere lui a infliggere frustate. A nulla serviranno tali lamentele, che infatti scateneranno le sadiche ire del suo aguzzino incappucciato. Tutto questo in nome della monetizzazione, sotto la spietata telecamera del Dipré per il sociale.






Ragno gigante terrorizza la città, un video allucinante !!!

Pubblicato da in Video Terribili ·
Tags: ragnogigantepaura
Ragno terribile

"UN RAGNO GIGANTE TERRORIZZA I MALCAPITATI IN CITTA'"
Trovarsi di fronte alla paura vera, ad una creatura del genere deve essere davvero terrificante, non oso pensare a come reagirei se mi trovassi di fronte ad un mostro di queste dimensioni, probabile che farei come le persone di questo video scioccante, scapperei a gambe levate.
Voi come reagireste ? 



Se il video vi è piaciuto commentatelo quà sotto e condividetelo. 



Lo scherzo sugli zombie più pauroso mai creato, da brividi!

Pubblicato da in Video Terribili ·
Tags: videoshockzombie

"E se arrivasse veramente un’apocalisse zombie cosa fareste?"

Vi siete mai chiesti quale sarebbe la vostra reazione di fronte ad uno zombie? Ecco a voi uno scherzo da paura, guardate le reazioni delle vittime ignare che si trovano davanti una vera e propria apocalisse zombie. Il video è stato fatto dal famoso Youtubere SA Wardega ed ha riscosso un grandissimo successo, raggiungendo ben 28 milioni di visualizzazioni. Gli effetti “speciali” che vengono usati, fanno si che il tutto sembri reale, anche il più scettico ci potrebbe cascare.

Scommetto ch anche voi di fronte ad una scena simile sareste scappati a gambe levate senza pensarci due volte. Io sicuramente! Lo scherzo è riuscito alla perfezione ed non si può dire che le reazioni non siano divertenti. Magari qualcuno potrà obiettare che scherzi simili possono essere pericolosi per qualcuno, ma di certo non si può dire che non sono divertenti. Per noi di sicuro, per le vittime un pò meno. Ma magari rideranno anche loro dopo essersi ripresi dallo spavento causato dall’orda di zombie.

Che ne dite? Voi cosa avreste fatto? Lo scherzo vi è piaciuto? Lasciateci un commento con le vostre opinioni nell’apposita sezione.
Se questo video ti è piaciuto CONDIVIDILO con i tuoi amici e fallo vedere a tutti, fai divertire anche loro con le reazioni delle povere vittime.
Sul nostro sito potrai trovare tantissimi video ed articoli interessanti e divertenti, basta girare le categorie che più ti intressano per trovare l’articolo che fa per te. Grazie per la tua visita e torna a trovarci presto per vedere cosa abbiamo in serbo per te.

SE IL VIDEO VI E' PIACIUTO O VI HA DIVERTITO COMMENTATELO QUA SOTTO E CONDIVIDETELO.



I 5 BAMBINI ASSASSINI PEGGIORI DELLA STORIA

Pubblicato da in Video Terribili ·
Tags: bambiniviolentiassassini
Questo video spaventoso nasce da una domanda che mi sono posto.
"Cos'è la perdita dell'innocenza?"



Quando un bambino smette di essere considerato tale a causa dei gesti che compie? Da qui nasce questo video.
Oggi si parla di un'argomento molto triste e delicato. I 5 bambini assassini peggiori della storia. 5 storie assurde, che scioccano per la perdita dell'innocenza dei protagonisti.

Questo video incredibile e turbante ci fà riflettere sulle problematiche che alcuni adolescenti possosono sviluppare nella propria mente.
Se il video vi ha turbato commentatelo.



Prodotto da Logok.it rag. soc. Fontanelli in Vecchiamo (PI) Via G.B. Niccolini 5 - P.iva 00695330506
Torna ai contenuti | Torna al menu